ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Giovedì 08 Giugno 2023
Focus

eBay, indirizzi email nascosti: sicurezza al primo posto. Privacy e comunicazione al secondo?

Giovedì 06 Novembre 2008
autore: Redazione InterTraders
Come alcuni lettori sapranno, recentemente eBay Italia ha introdotto un'importante novità a tutela degli ebayers: l'anonimizzazione degli indirizzi email degli iscritti. Il fine di tale importante cambiamento, come si legge nel comunicato della società (visibile al link a seguire), è sostanzialmente quello di tutelare l'utenza, in particolare gli offerenti, dal rischio di essere invitati dai truffatori a concludere compravendite fraudolente al di fuori della piattaforma.

https://www2.ebay.com/aw/it/200810.shtml#2008-10-24150822

L'anonimizzazione, che consiste nel sostituire l’indirizzo email del mittente con un indirizzo anonimo provvisorio nel formato xyz123@members.ebay.it, è già operativa da una decina di giorni nel portale di aste, caratterizza i contatti intercorsi tra gli ebayers prima della conclusione di ogni transazione e compare in particolare nelle email inviate da potenziali offerenti ai venditori (attraverso i link "Fai una domanda al venditore", "Rispondi alla domanda", "Contatta l’utente eBay", etc.), non operando invece tra coloro che hanno da poco concluso compravendite sulla piattaforma.

eBay ha elencato una serie di conseguenze che questa piccola rivoluzione comporta sia per gli acquirenti che per i venditori, evidenziandone in alcuni casi i vantaggi.
Vediamo, quindi, di che si tratta riportando di seguito e commentando lo stralcio del comunicato originale che le ricomprende.

"Gli acquirenti noteranno alcune differenze:
- inviando un’email ad un venditore attraverso il sistema eBay, non comparirà l'opzione per nascondere il proprio indirizzo di posta elettronica, poichè questo avverrà automaticamente;
- il bottone giallo Rispondi presente all’interno delle email ricevute attraverso il sistema eBay verrà rimosso. Sarà possibile rispondere allo stesso modo delle email tradizionali.

Cosa cambia per i venditori

Questi cambiamenti aiuteranno i venditori a gestire meglio le attività con gli acquirenti:
- Risposte agli acquirenti: sarà possibile rispondere alle domande degli acquirenti usando il proprio fornitore di posta elettronica (per esempio Outlook e Hotmail); non sarà più necessario usare I miei messaggi.
- Il bottone giallo Rispondi: i grandi venditori trovano che questa funzione rallenti la loro velocità di risposta. Il bottone verrà rimosso poiché non è più necessario.
- Preferenze di indirizzo email: per assicurare che le email provengano da utenti garantiti, gli indirizzi email usati per rispondere agli acquirenti dovranno essere aggiunti al proprio account eBay. In ogni caso suggeriamo di creare un indirizzo email separato in modo che le email degli acquirenti non si perdano nella Posta in arrivo.
- Ordinamento delle email: il soggetto delle email cambierà. Per ordinare le email sarà possibile usare il soggetto delle email basato su domande pre e post transazione.
- Limitazioni alle email: ci saranno dei limiti relativamente al peso e agli allegati delle email. Inoltre, gli indirizzi email inclusi nel corpo del messaggio saranno automaticamente resi visibili."


Indubbiamente l'anonimizzazione degli indirizzi email è un cambiamento degno di plauso per la società, e la rimozione del bottone giallo nelle email costituisce senz'altro un duro colpo da parte del portale di aste a phishers e truffatori (che per anni si sono avvalsi nei messaggi di questa opzione per indirizzare le vittime ai loro siti truffaldini).
Il nuovo sistema, tuttavia, come già lamentano alcuni ebayers in Rete, porta qualsiasi comunicazione tra due iscritti a passare attraverso i server di eBay, il che si traduce nei fatti -fino a che la transazione non si conclude o uno dei soggetti non comunica chiaramente la propria email al destinatario- in una ingerenza totale da parte della società nella corrispondenza intercorsa tra gli ebayers.

Quello che invece, a nostro parere, più che un problema è un aspetto che andrebbe vagliato e testato con maggiore attenzione da parte della società è quello legato alla circolazione della corrispondenza "anonimizzata" in Rete.

Alcuni providers di posta elettronica, infatti, hanno dei filtri antispam abbastanza rigidi nei confronti di eBay a causa della massiccio imperversare nel Web di spam e email truffaldine che girano sotto il nome del portale d'aste. La presenza quindi di stringhe alfanumeriche (ad es. 's02-jq3qhhcty8') prima della '@' negli indirizzi email dei mittenti andrebbe, a nostro parere, quanto agli effetti, testata con la maggior parte dei providers, al fine di evitare che qualche messaggio della corrispondenza scambiata tra gli ebayers venga accidentalmente cestinato o finisca tra la posta indesiderata, con conseguenze potenzialmente negative per il buon esito della transazione.

A conferma di ciò basti pensare che, nonostante la corrispondenza passi per i servers di eBay, sembra proprio che i messaggi scambiati attraverso Webmail o programmi (clients) di posta elettronica non vengano memorizzati ne "I miei messaggi". Con la conseguenza che, qualora un filtro antispam dovesse accidentalmente cancellare un messaggio di una certa trattativa, gli ebayers coinvolti non potrebbero contare neanche sul database di eBay (a meno che la società non esegua periodicamente un backup della corrispondenza in questione a insaputa degli utenti).
Per dovere di informazione, precisiamo ai lettori che quest'ultimo aspetto è stato da noi testato e accertato con due accounts di eBay. In tale circostanza abbiamo scambiato -alternando Webmail e client di posta elettronica- una decina di messaggi tra mittenti anonimizzati usando i servizi di posta elettronica di Alice e Libero. Fortunatamente nessun messaggio è stato considerato spam o cestinato ma ne "I miei messaggi" di entrambi gli accounts di eBay coinvolti nell'esperimento, non vi è traccia alcuna della corrispondenza scambiata. Altra cosa che abbiamo notato è che non sembra possibile impostare una certa priorità alle email o la notifica di avvenuta lettura, poichè tali opzioni vengono rimosse automaticamente dal server di eBay.

Tornando all'elenco dei cambiamenti, come visto, tra le novità vi è anche l'introduzione del limite di dimensione dell'allegato per le email scambiate tramite eBay. Ciò può rappresentare un problema per quei venditori che solitamente inviano foto più dettagliate degli articoli in vendita a potenziali acquirenti, ma è un limite comunque facilmente raggirabile caricando le immagini su siti di hosting fotografico e linkandone gli indirizzi nelle email.

Restano gli interrogativi finali: ossia se e fino a che punto l'anonimizzazione sia realmente efficace contro le frodi.
A nostro parere è efficace, ma in misura inferiore alle aspettative. Un truffatore infatti può benissimo eludere tutto il meccanismo comunicando all'offerente nel corpo del messaggio un indirizzo alternativo e dirottare su quest'ultimo l'intera trattativa; una cosa fattibile con una certa semplicità se il venditore dichiara ad es. di avere problemi col provider di posta, con l'account di eBay o di non poter usare in quel momento il primo per un particolare motivo.

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Ultimi commenti inseriti...
Scritto da Raffaele Pasculli il 04/10/2015 alle ore: 12:29
Insomma: si pu?? sapere una buona volta, quale ?? semplicemente l'indirizzo per mandare un email a eBay ?
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questa notizia. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
ca*de

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera b - (Per es. se la parola è ab*dh digita abbdh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Valentina in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Ragazzi anche io ho avuto a che fare con il presunto chirurgo, con me era una donna, Manuela Garcia, chirurgo a Granada con la famigliola felice al seguito..."

sara in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"manuela1966garcia@gmail.com questa è la nuova email di questo fantomatico chirurgo ma sta volta è una donna e si..."

Ciro in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"salve, ho utilizzato piu volte il servizio di spedizioni "spedirecomodo.it" mi sono sempre trovato bene, fino a quando mi e successa una cosa inu..."

Marta in La truffa dei cuccioli sbarca nel Bel Paese, le puppy scams anche in I...
"NON ABBIATE A CHE FARE CON martinakurts33@gmail.com E l agenzia con il quale vi mette in contatto. Purtroppo ha molti annunci online e non saprei come den..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2023 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies