ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Venerdì 24 Novembre 2017
Focus

Continua la caccia agli evasori su eBay. In Veneto le prime irregolarità.

Lunedì 12 Ottobre 2009
autore: Daniela Carella
Come da tempo preannunciato e da alcuni temuto, l’amministrazione finanziaria, allo scopo di contrastare potenziali fenomeni evasivi nel settore del commercio elettronico, ha intrapreso una serie di indagini ad ampio raggio su chi, “in maniera abituale”, compie affari sui principali siti di aste on-line, ricavando volumi d'affari cospicui e non indicandoli nella dichiarazione dei redditi.

La Direzione Regionale delle Entrate del Veneto in collaborazione con la Guardia di Finanza, con un comunicato del 14 settembre 2009 (ripreso da ItaliaOggi), infatti, ha reso noto di aver focalizzato le proprie indagini soprattutto su chi ha venduto negli ultimi tempi attraverso eBay.

Nella prima fase i controlli si sarebbero concentrati su chi ha dichiarato in passato redditi da lavoro dipendente (insegnanti, impiegati, dipendenti pubblici, ecc.) ed è risultato privo di partita IVA. I tecnici della D.R.E., con l’ausilio di un software innovativo in grado di leggere e selezionare le transazioni più remunerative pubblicate su eBay, avrebbero individuato per il solo anno 2007, 900 veneti che avrebbero utilizzato la piattaforma per attività di commercio elettronico; di questi una settantina -dieci per ogni provincia- avrebbero effettuato centinaia di transazioni realizzando cospicui introiti.

In un secondo momento per ognuno di questi potenziali evasori, la GdF avrebbe richiesto ad eBay, di conoscere i dati anagrafici, quelli fiscali dichiarati dagli stessi utenti nella procedura di iscrizione alla piattaforma nonché l’esatto ammontare monetario delle transazioni ed il loro numero.
I dati in tal modo raccolti (nome e cognome dell’utente, ragione sociale, nickname, indirizzo, numero telefonico, e-mail, codice fiscale, numero di oggetti venduti) sarebbero stati confrontati con il volume d’affari esposto in dichiarazione ed il numero delle operazioni eseguite allo scopo di verificare se tutte le operazioni compiute su eBay fossero state effettivamente contabilizzate.

Secondo quanto documenta ItaliaOggi, dalle informazioni finora raccolte, sarebbe emerso che i soggetti “indagati” avrebbero dichiarato al Fisco normali redditi da impiegati (il loro lavoro effettivo) omettendo, però, di inserire nei 730 decine di migliaia, ma anche centinaia di migliaia di euro, frutto delle loro transazioni commerciali on-line.

Su tutti uno dei casi più eclatanti è stato quello di un contribuente della provincia di Vicenza che nel 2005 avrebbe realizzato attraverso eBay oltre 8 mila vendite, ricavando 160 mila euro e l'anno successivo 13 mila transazioni, per un totale di 380 mila euro, saliti a 1,3 milioni di euro complessivi negli anni 2007 e 2008, periodo in cui l'utente in questione avrebbe concluso circa 38 mila transazioni. Il tutto senza avere partita IVA e dichiarando, sempre per il periodo in questione, nel modello 730, un reddito da normale lavoro dipendente.

Inutile dire che tutto ciò non completa il quadro dei potenziali evasori all’interno del noto portale d’aste, dal momento che i soli uffici delle Entrate del Veneto concluderanno le operazioni di verifica entro la fine del prossimo mese di novembre. Successivamente, infatti, partiranno i controlli anche su molti altri soggetti, e in molte altre regioni.

Daniela Carella
per International Traders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questa notizia. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
bc*de

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera a - (Per es. se la parola è ab*dh digita abadh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Valentina in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Ragazzi anche io ho avuto a che fare con il presunto chirurgo, con me era una donna, Manuela Garcia, chirurgo a Granada con la famigliola felice al seguito..."

sara in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"manuela1966garcia@gmail.com questa è la nuova email di questo fantomatico chirurgo ma sta volta è una donna e si chiama manuela Garcia per un appartamento..."

Ciro in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"salve, ho utilizzato piu volte il servizio di spedizioni "spedirecomodo.it" mi sono sempre trovato bene, fino a quando mi e successa una cosa inusuale, eff..."

Marta in La truffa dei cuccioli sbarca nel Bel Paese, le puppy scams anche in I...
"NON ABBIATE A CHE FARE CON martinakurts33@gmail.com E l agenzia con il quale vi mette in contatto. Purtroppo ha molti annunci online e non saprei come den..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies