ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Venerdì 24 Novembre 2017
Focus

eBay, la GdF chiede alla societa' i dati di migliaia di venditori. Le nostre considerazioni.

Martedì 10 Febbraio 2009
autore: Redazione InterTraders
Finalmente quello che da anni molti utenti speravano o credevano impossibile alla fine è accaduto: la Guardia di Finanza starebbe indagando ad ampio raggio su chi vende attraverso eBay.
Con un'email inviata nelle ultime ore a migliaia di iscritti alla piattaforma, eBay Europe ha reso noto di aver trasmesso alla Guardia di Finanza i dati personali di quegli utenti residenti in Italia a cui la società ha emesso -negli anni dal 2004 al 2007- fatture per importi complessivi annui superiori ai 1000 euro e che nello stesso periodo hanno venduto 5 o più oggetti all'anno. A seguire il testo integrale dell’email:

"eBay ha ricevuto dalla Guardia di Finanza una richiesta di informazioni relativamente agli utenti residenti in Italia ai quali eBay, negli anni dal 2004 al 2007, ha emesso fatture per importi complessivi annui superiori ad EUR 1.000,00 e che, nel medesimo periodo di riferimento, hanno venduto 5 o più oggetti nel corso di un anno.

Vogliamo informarti che il tuo account rientra in questi parametri e che i dati consegnati sono:

* Nome e Cognome
* Ragione Sociale (per gli account business)
* ID utente
* Indirizzo
* Recapito telefonico
* Indirizzo email
* Codice Fiscale
* Estratto degli importi fatturati da eBay superiori ad EUR 1.000,00 annui, per ogni anno dal 2004 al 2007 e numero di oggetti venduti per anno, se maggiore o uguale a 5.

La condivisione dei dati personali con le forze di polizia o altri funzionari di pubblica autorità è prevista dalle Regole sulla privacy di eBay.

Per ulteriori informazioni visita il sito www.gdf.it, oppure rivolgiti al tuo commercialista.

Cordialmente,
eBay Europe S.a.r.l."


e l'immagine del messaggio (su gentile inoltro di www.ebayabuse.com):

Guardia di Finanza - eBay

Sebbene nella "bacheca annunci" di eBay Italia non se ne faccia menzione, per centinaia di ebayers l'email parrebbe genuina, tant'è che sono già numerosi i messaggi in Rete dedicati all'argomento.

Tanti gli interrogativi tra gli iscritti al portale, in alcuni casi dai toni decisamente allarmati; se quanto recita il comunicato fosse effettivamente vero, al vaglio della Guardia di Finanza potrebbero finire anche semplici consumatori (privati) che nel periodo in questione hanno venduto occasionalmente merce nuova o usata rientrando nei parametri in oggetto.

"Sono un privato, ho ricevuto l'email e rientrerei nei controlli, cosa fare adesso? Cosa rischio?"
"Sono un venditore professionale ma non ho mai dichiarato niente, cosa rischio nella migliore delle ipotesi? E se non ho le fatture di quel periodo?"
“Ma è legittimo questo tipo di controllo? E se ho guadagnato meno di 1000 euro corro ugualmente dei rischi?”


Sono solo alcune delle tante domande che campeggiano in queste ore sui forum italiani dedicati a eBay.

In attesa di avere a portata di mouse l'email in questione, poterla vagliare tecnicamente e accertarne la genuinità, abbiamo girato a Rocco Ricci, Dottore Commercialista, gli interrogativi di cui sopra e nella speranza di fugare parte dei dubbi dei tanti ebayers riportiamo a seguire la risposta e le considerazioni del nostro collaboratore, con l’invito comunque agli interessati a contattare un commercialista e a sottoporgli il proprio caso per una disamina dell’attività svolta e delle eventuali implicazioni sanzionatorie.
Segue il commento.


Premesso che l’azione della Guardia di Finanza in questo caso (sempre che l’email non sia una bufala) sarebbe sicuramente legittima (in quanto tra i compiti ad essa assegnati vi è l’opera svolta a tutela delle entrate tributarie), per rispondere agli interrogativi riguardanti gli obblighi fiscali a carico dei venditori di eBay (professionali o occasionali che siano) e per poter correttamente individuare i medesimi obblighi, occorre innanzi tutto fare una distinzione sul tipo di attività esercitata sulla piattaforma d’aste, se attività “abituale” o “occasionale”.

Per “attività abituale” non s’intende un’attività svolta in maniera esclusiva, potendosi comunque ipotizzare un soggetto che svolga due attività distinte tra loro, ma deve intendersi – in chiave negativa – qualsiasi attività, d’impresa o di lavoro autonomo che non sia svolta in maniera saltuaria o occasionale. Infatti, secondo il Ministero delle Finanze i requisiti di professionalità e abitualità sussistono ogni qual volta il soggetto ponga con regolarità, sistematicità e ripetitività una pluralità di atti economici e finalizzati al raggiungimento di uno scopo, con esclusione quindi dell’ipotesi di atti economici posti in essere in via meramente occasionale.

Va precisato che non esiste un ammontare in termini economici (vendita di € 10 piuttosto che di € 10.000) oltre il quale l’attività è da considerarsi abituale, ma è necessario valutare caso per caso la sussistenza del requisito di “abitualità” (a tal fine sarebbe opportuno per i singoli ebayers rivolgersi ad un commercialista).

Per un quadro più chiaro, si riportano di seguito gli obblighi imposti a carico dei venditori sia abituali che occasionali.

- Obblighi per i venditori professionali. Ai fini delle imposte sui redditi (IRPEF per le persone fisiche e le società di persone, IRES per le società di capitali) , i venditori professionali sono soggetti a tassazione secondo le regole previste D.P.R. 22/12/1986 n. 917, mentre ai fini IVA scatta l’obbligo di aprire il numero di P.I. e l’emissione e la conservazione della fattura per ogni transazione effettuata. Inoltre la qualifica di imprenditore o di lavoratore autonomo impone anche il rispetto di obblighi di natura formale, come, ad esempio, l’iscrizione nel Registro delle imprese, la tenuta delle scritture contabili e dei registri Iva e la redazione delle dichiarazioni annuali e periodiche.

- Obblighi per i venditori occasionali. In questo caso, invece, mentre ai fini Iva non è imposto alcun obbligo, ai fini delle imposte sui redditi non si esclude che l’attività possa comunque essere idonea a produrre un reddito tassabile, seppur nell’ambito della categoria dei redditi diversi. Deve comunque trattarsi di un’attività che abbia natura commerciale o di lavoro autonomo: in tal senso risulterà fiscalmente rilevante l’attività svolta da chi in via occasionale intenda vendere beni prodotti artigianalmente, mentre non sarà soggetta a tassazione la persona fisica che, per il tramite di un portale di aste on line, intenda vendere la proprio moto usata.

Per quanto attiene alle sanzioni, l’art. 6 D. Lgs. 471/97, prevede per l’omessa fatturazione o registrazione di operazioni imponibili una sanzione compresa tra il 100% e il 200% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato o non registrato, mentre nel caso di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e dell’Iva la sanzione va dal 120% al 240% dell’ammontare delle imposte dovute e non dichiarate. Si ricorda che la sanzione non può essere inferiore a € 258.

Dott. Rocco Ricci
per International Traders

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Ultimi commenti inseriti...
Scritto da Alberto il 30/10/2012 alle ore: 02:56
State attenti ad ebay (intesa come societ? eBay Europe),
diffidate dei venditori, anche dei venditori TOP.
Ho subito quasi esclusivamente brutte esperienze.
Per fare acquisti scuri ? meglio rivolgersi altrove.
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questa notizia. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
c*bde

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera a - (Per es. se la parola è ab*dh digita abadh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Valentina in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Ragazzi anche io ho avuto a che fare con il presunto chirurgo, con me era una donna, Manuela Garcia, chirurgo a Granada con la famigliola felice al seguito..."

sara in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"manuela1966garcia@gmail.com questa è la nuova email di questo fantomatico chirurgo ma sta volta è una donna e si chiama manuela Garcia per un appartamento..."

Ciro in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"salve, ho utilizzato piu volte il servizio di spedizioni "spedirecomodo.it" mi sono sempre trovato bene, fino a quando mi e successa una cosa inusuale, eff..."

Marta in La truffa dei cuccioli sbarca nel Bel Paese, le puppy scams anche in I...
"NON ABBIATE A CHE FARE CON martinakurts33@gmail.com E l agenzia con il quale vi mette in contatto. Purtroppo ha molti annunci online e non saprei come den..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies