ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Venerdì 24 Novembre 2017
Focus

GdP di Firenze, Telecom riconosciuta responsabile nella diffusione dei dialers. On line la sentenza.

Lunedì 07 Aprile 2008
autore: Redazione InterTraders
Un tipo di malware in cui ci si può imbattere facilmente navigando in Internet è quello dei dialer, programmi di per sé leciti fintantoché consentono di accedere a servizi e informazioni di pubblica utilità, ma che acquistano carattere illecito quando si installano, ad insaputa dell’utente, nel sistema operativo del computer di quest’ultimo, effettuando, senza alcun preavviso, chiamate telefoniche verso numeri a tariffa maggiorata (899, 144, 166).

Partendo da questa considerazione il Giudice di Pace di Firenze nella sentenza n. 5045/07 ha ritenuto sussistere il reato di cui all’art.640 ter c.p. (frode informatica) nel momento in cui tali programmi si “intrufolano” nel sistema operativo della vittima, scaricandoli inavvertitamente via email, con la semplice visualizzazione di pagine web o scegliendo “finti” certificati di protezione. Infatti, l’art. 640 ter punisce “chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procura a se o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno”, risultando evidente, quindi, a detta del giudice fiorentino, che una volta azionato un dialer, si configura “l’intervento” illecito su programmi altrui come previsto dalla suddetta norma.

Nel caso di specie, un utente, ignaro dell’installazione fraudolenta di un dialer sul proprio sistema operativo, si era visto addebitare da Telecom Italia la somma di euro 70,00 per aver effettuato incosapevolmente chiamate a numeri 899, i cui servizi erano gestiti da altre compagnie telefoniche (Eutelia, Teleunit) e di cui la stessa Telecom, oltre ad essere responsabile della relativa fatturazione, ne aveva comunque percepito il costo per il trasferimento delle chiamate in oggetto alle suddette compagnie.

Il giudice, nel motivare la sentenza, ha condannato Telecom a restituire all’utente le somme contestate (e a pagare le spese giudiziarie), ritenendo infondate le eccezioni sollevate dalla compagnia telefonica, che nell’escludere la propria responsabilità, aveva sostenuto la colpevolezza della controparte nel non aver adottato quegli accorgimenti (quali l’attivazione della linea ADSL) tali da evitare l’intrusione dei dialer nel proprio computer.

Telecom, infatti, stando alle risultanze istruttorie, non avendo escluso all’epoca dei fatti la possibilità che le chiamate effettuate agli 899 fossero la conseguenza dell’installazione abusiva di un dialer, si sarebbe resa per il GdP responsabile del reato di ricettazione ex art. 648 c.p. (collegato col reato di frode informatica ex art. 640 ter c.p. commesso dalle due compagnie di cui sopra), che punisce “chi, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o comunque si intromette nel farli acquistare, ricevere od occultare”.

Dal momento, quindi, che per l’integrazione di tale fattispecie delittuosa sarebbe sufficiente la semplice “intromissione” nel far acquisire ad altri (in questo caso le compagnie Eutelia e Teleunit) il profitto di un reato (nel caso di specie il denaro versato dall’utente per aver chiamato a sua insaputa i numeri 899) e tenuto conto anche della sussistenza dell’elemento psicologico del dolo eventuale, in quanto Telecom accettava comunque il rischio della provenienza delittuosa del denaro (anche col minimo dubbio della illiceità del traffico telefonico), è evidente la non estraneità di tale condotta dall’ambito applicativo del succitato art. 648 c.p.

Inoltre, sempre a parere del giudice fiorentino, a carico di Telecom sarebbe addebitabile il reato di omessa denuncia ex art. 362 c.p. che punisce chi, nell’esercizio di un pubblico servizio, omette o ritarda di denunciare all’Autorità giudiziaria o ad altra Autorità competente, un reato del quale abbia avuto notizia nell’esercizio o a causa del servizio stesso. Infatti, nello svolgere il proprio servizio, la compagnia era venuta comunque a conoscenza dell’illiceità dell’addebito, seppur col semplice sospetto dell’irregolarità delle chiamate, e si era tuttavia astenuta dallo sporgere denuncia alla Procura della Repubblica competente nei confronti dei legali rappresentanti delle due società arricchitesi fraudolentemente tramite dialer (Eutelia e Teleunit).

Alla luce di tali considerazioni, quindi, il Giudice di Pace, dichiarando la nullità della fatturazione dei costi del traffico telefonico per illiceità della causa ex art. 1343 c.c. in quanto emessa in violazione dell’art. 648 c.p., ha escluso la sussistenza di alcun obbligo di pagamento a carico dell’utente.

Al seguente link è possibile scaricare il testo integrale della sentenza (fonte dell'atto: www.aduc.it):

GdP_Firenze_5045_12092007.pdf

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questa notizia. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
ac*de

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera b - (Per es. se la parola è ab*dh digita abbdh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Valentina in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Ragazzi anche io ho avuto a che fare con il presunto chirurgo, con me era una donna, Manuela Garcia, chirurgo a Granada con la famigliola felice al seguito..."

sara in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"manuela1966garcia@gmail.com questa è la nuova email di questo fantomatico chirurgo ma sta volta è una donna e si chiama manuela Garcia per un appartamento..."

Ciro in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"salve, ho utilizzato piu volte il servizio di spedizioni "spedirecomodo.it" mi sono sempre trovato bene, fino a quando mi e successa una cosa inusuale, eff..."

Marta in La truffa dei cuccioli sbarca nel Bel Paese, le puppy scams anche in I...
"NON ABBIATE A CHE FARE CON martinakurts33@gmail.com E l agenzia con il quale vi mette in contatto. Purtroppo ha molti annunci online e non saprei come den..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies