ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Mercoledì 01 Ottobre 2014
Focus

Oneri doganali: come calcolarli e come rettificare quelli errati

Lunedì 23 Marzo 2009
autore: Redazione InterTraders
Nell'ambito di una compravendita internazionale con venditori extra UE può accadere che qualche acquirente lamenti dei dazi da pagare eccessivi, errati o un calcolo degli stessi non proprio cristallino.
Spesso la causa di ciò è nel venditore che dichiara un valore non esatto della merce, ma può anche accadere -ipotesi rara ma pur sempre possibile- che l'errore sia imputabile al personale che ha affettuato il calcolo in questione. Una circostanza che diventa rischiosa e compromette l'economicità dell'acquisto quando l'articolo -oggetto del calcolo errato dei dazi- ha un prezzo al limite della convenienza (si pensi ad una macchina fotografica o un paio di scarpe griffate acquistate negli USA).

Abbiamo sottoposto questa interessante problematica direttamente all'Agenzia delle Dogane, uno dei protagonisti delle compravendite internazionali, nonché nostro partner d'eccellenza, ponendo ai suoi esperti una serie di importanti interrogativi in materia doganale che da sempre i lettori ci rivolgono e che più di altri vengono riproposti costantemente in Rete.

- In caso di errato calcolo dei dazi doganali, l'acquirente può richiedere e ottenere una rettifica dell'importo da versare all'Agenzia delle Dogane?
- Qual è la procedura da seguire e la documentazione da esibire per l'acquirente?
- L'iter procedurale è lo stesso se la consegna avviene con un corriere internazionale anzichè con il sistema postale nazionale?


Con una esposizione completa di riferimenti normativi e chiara anche ai non addetti ai lavori, gli esperti dell'Agenzia ci hanno risposto ai vari quesiti, precisando in apertura come si procede sostanzialmente al calcolo dei c.d. “oneri doganali” (dazi, IVA etc.) e per quali importi, al contrario, non si applica alcun dazio o aliquota IVA.
Siamo certi dell'importanza di questo approfondimento, che dissiperà alcuni dubbi critici che da anni accomunano chi per professione o per passione importa beni da Paesi extra UE.

Nel ringraziare il Dr. Lorenzo Pisoni (Ufficio comunicazioni e Relazioni esterne) e l'Ufficio per i servizi all’utente e per i traffici di confine dell'Agenzia delle Dogane, per la disponibilià e la collaborazione, riportiamo di seguito il testo integrale della risposta.

A titolo informativo, appare opportuno premettere che, sotto il profilo doganale, la vigente normativa comunitaria consente l'ammissione in franchigia dal dazio all'importazione per le spedizioni composte da merci di valore trascurabile spedite da un soggetto residente in un paese extra UE ad una persona che si trova nella Comunità, sempreché il valore della stessa spedizione non superi i 150 Euro (art.27 del Reg. CEE n.918/83 e successive modifiche ed integrazioni).

Sono esclusi dalla fruizione della franchigia in questione i prodotti alcolici, i profumi e l'acqua da toletta, i tabacchi ed i prodotti del tabacco.

Sotto il profilo fiscale, si precisa che, diversamente dalla franchigia ai fini daziari (fissata a 150 Euro), la franchigia ai fini dell'IVA è fissata in 22 Euro (art.5 del DM n.489/97).

Pertanto, ad esempio, per l'acquisto di un bene avente un valore compreso tra i 22 ed i 150 Euro, sullo stesso verrà applicata la franchigia ai fini daziari mentre verrà regolarmente applicata la relativa aliquota IVA.

Al riguardo, si precisa che se il valore del bene supera i limiti di franchigia il soggetto importatore è tenuto al pagamento dei diritti doganali afferenti l'intero valore del bene acquistato.

Nel caso in cui non si verificano le citate condizioni per l’applicazione della franchigia, si fa presente che, in linea generale, al momento dell'introduzione in Italia di merce con origine da un Paese extra UE, l'importatore dovrà provvedere al pagamento dei diritti doganali (dazio ed IVA). La base imponibile per l'applicazione dei dazi ad valorem (la generalità dei dazi) è data, ai sensi dell'art. 29 e seguenti del Reg. CEE n. 2913/92, dal valore della transazione, cioè dal prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci (normalmente il prezzo riportato in fattura), comprensivo delle spese di trasporto e assicurazione (art. 32 del citato Reg. CEE). Ai sensi dell'art.69 del DPR n.633/72, la base imponibile su cui va calcolata l'IVA all'importazione è data dal valore doganale come sopra descritto, cui vanno sommati gli eventuali dazi afferenti, nonché le spese di inoltro fino al luogo di destinazione all'interno del territorio della Comunità.

E', tuttavia, necessario stabilire con precisione la tipologia della merce, anche da un punto di vista merceologico del prodotto, per poi applicare il relativo trattamento daziario e fiscale e per verificare la necessità di licenze o limitazioni all'importazione; a tal fine
(l'interessato, ndr) potrà acquisire le informazioni necessarie, consultando la pagina "Tariffa Doganale TARIC" sul sito web di questa Agenzia (www.agenziadogane.gov.it).

Ciò premesso, in caso di erronea applicazione degli oneri doganali, si comunica che la normativa comunitaria (art.78 del Reg. CEE n.2913/92) e la normativa nazionale (art.11 del D.L.vo n.374/90) prevedono l'istituto della revisione dell'accertamento, con il quale l'autorità doganale (autonomamente) o l'operatore interessato (su istanza di parte), entro tre anni dalla data in cui è divenuto definitivo l'accertamento, possono rispettivamente procedere o richiedere la revisione dello stesso nei casi in cui viene riscontrata una diversità di valore, origine, o classificazione dei beni rispetto a quanto indicato in dichiarazione. In caso di riscontro della difformità, l'ufficio doganale procederà alla rettifica della dichiarazione, con riliquidazione dei diritti in precedenza accertati e conseguente recupero dei maggiori diritti eventualmente accertati ovvero il rimborso di quelli indebitamente riscossi.

Nel caso di spedizioni curate da soggetti autorizzati ad operare in procedura domiciliata (Società Poste Italiane SpA ed alcuni Corrieri Internazionali), al fine di ottenere la revisione d’accertamento, l’istanza dovrà essere presentata ai citati soggetti, in quanto detta autorizzazione consente di effettuare gli adempimenti doganali direttamente presso i propri magazzini senza l'obbligo di presentare le merci in dogana rimanendo, pertanto, responsabili del corretto svolgimento dell'operazione doganale.


Ufficio per i servizi all’utente e per i traffici di confine - Agenzia delle Dogane
esclusiva per International Traders


Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica?
Lo Studio Legale Massa vanta in ambito nazionale ed estero una competenza giuridica e tecnica specifica in materia. Clicca qui per contattare lo Studio (l'assistenza non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Ultimi commenti inseriti...
Scritto da Luca il 09/01/2014 alle ore: 14:07
Giusto per informarvi..Fedex a fronte di un errore di applicazione dazi doganili/Iva (importo pagato 189 e da loro considerato pari a 203?) chiede per la revisione della fattura 80? !!!!!
Praticamente se vuoi il tuo materiale gi? pagato 169$ e con trasporto pagato 20$ devi darci 52? di dazi...poi se abbiamo sbagliato ci dai 80? di revisione e noi ti ridiamo i tuoi 30?....
La mafia ? molto pi? corretta...
Scritto da riccardo il 07/11/2013 alle ore: 22:41
Salve, ho ricevuto dei campioni elettronici gratuiti dagli USA per valore di circa 31?,spediti gratuitamente dall'azienda stessa tramite corriere fedex.Notare che nella fattura ? riportato il valore in dollari meno lo stesso per totale 0$ e dicitura "free samples".
Dopo un paio di settimane dalla ricezione regolare, ho ricevuto una fattura da fedex con richiesta pagamento iva. Ho letto varie opinioni ma discordanti, ? regolare?
Scritto da marco di francesco il 17/03/2013 alle ore: 17:25
ciao a tutti, io vorrei acqustare dalla china delle fiches da poker, non capisco sul sito della dogana qual'? la categoria che devo cercare per capire i costi.. sapete aiutarmi?
Scritto da carlo il 14/03/2013 alle ore: 19:49
Scusate ma per la merce usata?? vale lo stesso discorso?? Noooo
Scritto da Manuel il 07/03/2013 alle ore: 11:35
In caso di reinvio al fornitore estero della merce per la riparazione devi andare all'ufficio doganale e chiedere come procedere per l'esportazione temporanea per riparazione, in gergo si chiama 'perfezionamento passivo'. Quindi quali doc occorrono o vanno compilati per non pagare due volte dazi.

Per Pina: devi cercare nello specifico i singoli articoli, bigiotteria non esiste tra le voci della tariffa doganale. E' vero che competente ? la posta, hanno infatti un loro ufficio apposito per controllo pacchi e applicazione dazi.
Scritto da Restituzione e dazi il 07/03/2013 alle ore: 10:15
Salve,
ho acquistato dei prodotti di importo esiguo (60 euro) dalla Cina.
Ho pagato i dazi doganali ma la merce contenuta non era quella richiesta nell'ordine.
Ora, previa restituzione della merce inviatami, devo farmi mandare i prodotti da me indicati nell'ordine. Devo ripagare i dazi doganali? Come devo procedere per non pagarli due volte?
Grazie
Sara
Scritto da Pina il 15/02/2013 alle ore: 10:46
Avrei anch'io qualcosa da dire sull'argomento! sapete qual'? la tariffa doganale per la bigiotteria vintage? mi hanno applicato un dazio del 12%! quando a me risulta dal sito apposito il 4%. non vi dico l'odissea per cercare di capire a chi fare reclamo! le ultime notizie sono che bisogna inoltrare un reclamo on-line sul sito di poste italiane! speriamo che non facciano come al numero verde che mi hanno sbattuto il telefono in faccia!
Grazie!
Pina
Scritto da Julius il 03/01/2013 alle ore: 23:46
troppo tardi, prima chiamavi la FedEx poi pagavi...
Scritto da magnoli il 14/12/2012 alle ore: 14:47
Ho acquistato tramite eBay delle lampadine a led (acquisto comprovabile dall'asta vinta), valore 30$ con spedizione gratuita, peso del pacco 3,5 kg, tutto riportato nella fattura acclusa, mi ? stata applicata un iva di 23,69? e un dazio da 10,50 (valore statistico 112,80? !!!!!), il pacco ? stato consegnato da FedEx dietro pagamento del dovuto, se avessi rifiutato avrei avuto un feedback negativo.
Cosa posso fare ora presentare un'istanza alla FedEx o visto che ho pagato ? troppo tardi?
Scritto da robpad il 02/10/2012 alle ore: 14:02
salve.fatto aqiusto in Honkkong pacco di 0.5kg,valore dichiarato 37,23 euro tutto compreso trasporto espresso,dazio 0,00:oneri doganali IVA8,45,su bolla esposta UPS trovo una riga con scritto:Altri euro15,00 ...a richiesta mia non soddisfatta da UPS chiedo a chi ha gi? usato UPS a che cosa corrisponde ALTRI.grazie
Scritto da art? il 16/02/2012 alle ore: 11:14
aldo dipende da quello ha dichiarato chi ha spedito e dipende dalla doc allegata al pacco.
Se le saponette costano 30 euro e chi te le ha mandate ha allegato una ricevuta da 200 euro non ti stupire che la dogana ti chieda tanto....
Scritto da Marco il 15/02/2012 alle ore: 10:18
ho ricevuto da mia nuora e nipotini, dal Giappone, pacco con valore dichiarato i Yen -valuta giapponese. di 11.000 pari a 106,95 ? con dentro, alcuni dolcetti di gusto orientale, da noi molto apprezzati, ed un pigiamino per neonata per cui hanno speso 5000 Yen e ho dovuto pagare contrassegno
dazio in Euro 10,50 Iva in Euro 12,72
Tot oneri doganali 23,22 oneri postali 5,50
totale da incassare ? 28,72 ho cercato di capire come sia stato ottenuto il totale ma ho rinunciato
Forse che il doganiere, come ha fatto con Giuseppe ha scambiato Yen= ?, se fosse cos?, cambiamo doganiere, gradirei un chiarimento che di certo non verr?. W l' ltalia
Scritto da aldo il 14/02/2012 alle ore: 20:36
avevo acquistato via web saponette provenienti dalla Giiordania per un valore di 39 euro. Mi hanno telefonato dall'aeroporrto di Bologna, presumo l'ufficio doganale, per comunicarmi che lo sdoganamento comportava un esborso di 40 euro. E' normale?
Scritto da Sauro il 08/01/2012 alle ore: 19:03
Maria e Peppe per il calcolo dei dazi consultate questo link: http://aidaonline.agenziadogane.it/nsitaric/index.html
Scritto da Maria il 06/01/2012 alle ore: 01:33
Salve,
ho comprato 2 abiti da cerimonia da un sito cinese....il costo ammontava a260 euro circa con 21,61 euro di spese di spedizione.Quando il pacco ? arrivato il corriere ha preteso 133 Euro dspese doganali................? un calcolo corretto? sul sito dal quale ho acquistato non c'er nessuna indicazione di spese extra,certo questo ? un problema italiano di importazione.Ma come ? stato fatto il calcolo per arrivare a tale cifra?
grazie
Scritto da Peppe il 05/01/2012 alle ore: 03:48
Salve, ho ricevuto un regalo da un mio zio in Canada (tre maglioni). Tra l'altro, per spedire il pacco ha speso 140 dollari canadesi e dichiarato un valore della merce di 200 dollari canadesi.
Il corriere mi ha chiesto 40 euro di oneri doganali!!
Personalmente credo sia assurdo. Potete dirmi se questi 40 euro sono stati calcolati quantomeno coerentemente?
Grazie e cordiali saluti.
Scritto da fabulus il 04/01/2012 alle ore: 12:24
rita nella notifica dell'ufficio dogane sicuramente saranno allegate anche le istruzioni per il versamento, lo puoi fare o recandoti di persona presso gli uffici preposti o anche tramite bonifico. Se hai dubbi chiama l'agenzia riportata sulla notifica che ti hanno mandato. ciao
Scritto da rita il 03/01/2012 alle ore: 14:39
Salve, ho acquistato negli Usa lana per un valore totale compreso spese shipping di 119 dollari. Mi chiedono di pagare 75 euro di tasse per dogana. Come mi devo comportare? Non capisco come devo procedere. Grazie
Rita
Scritto da blackjack il 26/12/2011 alle ore: 02:13
ida a quanto ? stata dichiarata la merce dal venditore?
Forse vi era documentazione fiscale a corredo che ha fatto lievitare iva e dazi. In ogni caso con il 20% di iva su 700 sali gi? a 140 euro non ? che stiamo parlando di tasse doganali stratosferiche nel tuo caso......
Scritto da ida il 20/12/2011 alle ore: 16:21
Ho acquistato delle ceramiche dall'America per un valore di 700 euro. Possibile che ho pagato 200 euro di tasse tra oneri doganali e postali?
Scritto da Andrea il 31/08/2011 alle ore: 15:21
Il mio commento ricalca quello di Giuseppe: come si fa un ricorso? quanto costa?

Mi ? capitato di acquistare tramite eBay oggetti relativamente economici, ma di cui il venditore arrotondava il prezzo ai 100$ successivi, ad es. da 20 a 100, da 130 a 200, ...
Oppure un oggetto per il quale avevo pagato la spedizione economica e che, per puro errore, mi ? stato spedito (a carico del venditore) per posta "super"

Quando ho telefonato alle Dogane, mi hanno detto che il ricorso costava una trentina di euro, ossia pi? o meno quanto avrei richiesto in restituzione. ? vero?
Sarebbe piuttosto antipatico che non ci fosse nessuna possibilit? di opporsi ad un balzello imposto ingiustamente.


Scritto da Giuseppe il 09/08/2011 alle ore: 23:32
Salve,

l'articolo di cui sopra ? abbastanza esauriente per quanto riguarda il calcolo di IVA e dazio, ma alla fine NON dice la cosa pi? importante:

CHE FARE SE IL DOGANIERE SCAMBIA DOLLARI PER EURO E MI FA PAGARE UN IMPORTO PARI A CIRCA IL 40% DI IVA INVECE DEL 20%???

Grazie!
Giuseppe
Scritto da tiziano il 17/07/2011 alle ore: 18:23
Salve vorrei sapere gentilemnte per importare delle automobili cinesi di un costo al'intirca 5000 euro , quanto devo pagare di diritti doganali per poterla immatricolare in italia
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questo approfondimento. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
*cdae

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera b - (Per es. se la parola è ab*dh digita abbdh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Genova in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"I greet you again, And thank you for the interest that you have expressed to my apartment. However, before we discuss the further details, I would like to..."


Alfredo in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Raga evitate subito.it per queste cose..."

Biagii in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Hagen Caroline si sta trasferendo a Madrid ed affitta a Prato x 340 %u20AC spese incluse un monolocale che di solito sta sui 500-600. Su subito.it. Occhio..."
Le più lette



InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2014 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies