ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Lunedì 20 Novembre 2017
Focus

Falsi in Rete: come riconoscere un paio di Levi's autentici

Mercoledì 11 Marzo 2009
autore: Redazione InterTraders
Chi non ha mai avuto tra le mani almeno una volta nella vita un paio di Levi's?
Alzi la mano chi, nel toccarli o indossarli, non si è mai chiesto se fossero autentici o falsi e chi, nonostante le rassicurazioni del negoziante di turno, non si è mai del tutto convinto della loro genuinità!
Quella dei Levi's, infatti, è una delle forme di contraffazione più conosciute e diffuse al mondo, in voga praticamente da decenni, che "vanta" ormai un livello di evoluzione e un numero di varianti tali da rendere davvero difficile -anche agli occhi di un acquirente esperto- riconoscere un paio di jeans originali da un paio contraffatto.

Su Internet non vi sono molte guide dedicate all'argomento e, non a caso, sono in tanti a chiedersi se tra i numerosi modelli di jeans Levi's (501, 503, 505 etc.) in commercio, vi siano degli elementi "comuni" o quanto meno grossolani che possano in qualche modo aiutare i più a riconoscere e distinguere un paio di jeans autentici da un modello falso. Da un'attenta ricerca fatta in Rete abbiamo individuato 4 criteri particolarmente evidenti che possono aiutare non solo chi acquista il capo nel tradizionale negozio d'abbigliamento ma soprattutto chi cerca il pezzo da collezione o il capo low price optando per le vie dell'e-commerce. Ed è proprio a queste ultime che bisogna prestare particolare attenzione, non essendo in molti casi i Levi's venduti nel web altro che modelli scadenti prodotti in Tailandia e rimarchiati dai venditori finali orientali come autentici.

Fermo restando che per il numero di varianti di jeans prodotti dalla Levi's e per il numero di Paesi di fabbricazione, non è escluso che delle piccole differenze "strutturali" tra modelli vadano necessariamente viste come segnali di contraffazione, entriamo nel merito dell'articolo e vediamo nel dettaglio quali elementi possono aiutarci generalmente a riconoscere dei falsi jeans, prendendo in esame uno dei modelli più noti e venduti di Levi's: il 501.

Levis 501 01

1- La targhetta posteriore (patch) con il marchio Levi's.
In un modello autentico è collocata sul lato destro, è cucita su tutti e quattro i lati ed è in tessuto resistente simile -per spessore, colore e al tatto- a del cartoncino (v. immagine a seguire).

Levis 501 02

in un falso invece non solo la forma, lo spessore, il materiale e il colore della patch possono variare (v. immagini a seguire) ma le scritte stampate all'interno possono presentare errori grammaticali, omissioni o indicazioni apparentemente superflue.

Levis 501 03

2- I bottoni.
La patch posteriore, tuttavia, è anche uno degli elementi più finemente riprodotti dai falsari e non c'è da stupirsi se in circuiti come quelli delle aste on line i venditori esteri la mettano sempre in evidenza. Considerarlo pertanto l'unico criterio di genuinità in dei jeans Levi's non è sufficiente.
E' utile allora esaminare anche i bottoni presenti sui jeans; nelle immagini a seguire è visibile la parte frontale del classico bottone di chiusura di un 501 autentico (da notare il testo "LEVI STRAUSS&CO*SF CAL*" in rilievo).

Levis 501 04

La chiusura dei jeans deve essere ovviamente a bottoni (più piccoli ma con scritta in rilievo come quello principale) mentre i vari rivets (i chiodi che sporgono esternamente e delimitano le tasche) devono presentare le sigle "L.S. & Co. S.F." sia sulla parte anteriore (v.immagine):

Levis 501 05

che posteriore:

Levis 501 06

Proprio quest'ultima sigla nei jeans autentici è presente su tutti i rivets, mentre in quelli contraffatti può presentarsi "liscia" o con altre scritte (v. esempi nelle due immagini a seguire).

Levis 501 07

3- Il numero seriale.
E' l'elemento che indubbiamente aiuta più chi acquista in un negozio fisico che in uno virtuale.
In un paio di jeans autentici l'etichetta di cartone che solitamente affianca la patch posteriore al momento dell'acquisto

Levis 501 08

presenta un numero seriale (da noi evidenziato in rosso nelle immagini) che deve corrispondere a quello posto sulla linguetta di stoffa interna ai jeans.

Levis 501 09

In caso contrario avete tra le mani indubbiamente un falso.

4- La linguetta rossa.
La linguetta rossa con la scritta "Levi's" deve essere necessariamente presente sul retro di un 501 e deve essere posta sul lato sinistro della tasca destra, cucita (v. immagine) tra quest'ultima e il tessuto dei jeans:

Levis 501 10

nelle contraffazioni più grossolane la linguetta manca, è cucita in modo non parallelo al bordo della tasca o è direttamente incollata a quest'ultima.

Se questi rappresentano i principali segni distintivi tra Levi's autentici e contraffatti non mancano in Rete consigli secondari; vi è ad es. chi suggerisce di prestare attenzione alla cucitura presente al centro delle tasche posteriori (rigorosamente a "v" aperta in un capo originale):

Levis 501 11

alla grandezza stessa delle tasche frontali (simmetriche tra loro), alle indicazioni per il lavaggio presenti sulla linguetta interna ai jeans, e alla taglia indicata sulla patch, che deve corrispondere a quella reale dei jeans (nelle contraffazioni questo criterio solitamente non viene rispettato).

Chiudiamo con un aneddoto riguardante proprio i falsi Levi's provenienti dalla Tailandia rivenduti in maniera massiccia in Rete. Secondo alcune testimonianze raccolte nel Web, le piccole aziende che producono questi jeans (originariamente senza marca) li venderebbero a 5 dollari (circa 4 euro) ai propri operai, lasciandoli indossare loro per un periodo variabile tra i 6 e 12 mesi senza mai lavarli. Successivamente, quando i pantaloni hanno acquisito un buon livello di usura, sporcizia e perdita di colore, gli operai li riconsegnerebbero ai propri datori di lavoro ricevendo sempre per 5 dollari un altro paio. I vecchi jeans verrebbero quindi lavati, riparati, rimarchiati come Levi's e rivenduti al prezzo di un modello autentico a turisti, esportatori o direttamente nel Web.

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Ultimi commenti inseriti...
Scritto da massimo il 14/01/2016 alle ore: 13:54
Salve sono un grande affezionato levis ma da un ultimo acquisto del mio rivenditore affezionato mi sono ccorto che c'erano delle cose che non mi quadravano , poi ho letto qualcosa su quant riguarda le caratteristiche di un falso o no, ma i miei levis da euro 70 circa l'uno presentano queste caratteristiche
MADE IN INDONESIA E MADE IN VIETNAM O MADE IN CINA
QUINDI VOLEVO SAPERE SE IL LEVIS ORIGINALE SI FABBRICA ANCHE ALTROVE PRIMA DI ANDARE DAL MIO RIVENDITORE DI FIDUCIA E DIRGLIENE 4 GRAZIE
Scritto da Alessandro il 08/05/2012 alle ore: 12:09
Sig.ra Tania al mercatino dell'usato si trovano pezzi originali anche a 5 euro di qualsiasi cosa, in quanto molte volte si vendono cose delle quali i venditori non sanno nulla, e quindi a volte e dico a volte si fanno dei bei affari, e il prezzo di vendita non c'entra niente. Saluto Alex
Scritto da Tania il 07/05/2012 alle ore: 20:25
x quel prezzo e' tutto puro tarocco
Scritto da Alessandro il 07/05/2012 alle ore: 00:35
Grazie, la tua teoria dell'assemblato mi lascia un p? perplesso, perch? si vedrebbe che sono stati ricuciti, e economicamente non credo valga la pena anche se fatti in cina..... io penso che sia tutto falso anche i rivetti rifatti alla perfezione, di solito i falsi hanno la stoffa delle tasche interne molto pi? corta degli originali e qui invece sono abbastanza capienti. Guarda non so cosa pensare, io li metter? lo stesso e me ne frego perch? mi stanno bene, e comunque per 8 euro anche se falsi li porter? ugualmente. Un mio amico mi ha detto che ? molto difficile riconoscerli, quindi ciccia. Tanto nel giro di un paio d'anni li finisco e poi li butto via, sai quanti ne trover? ancora di usati.... una valanga almeno. Magari li accorcio e li faccio per l'estate, non ci sono problemi. Ti ringrazio per le tue consulenze, stammi bene e a presto con un'altro paio di falsoni :)) ma sempre da 8 euro max !!!
Scritto da alf il 06/05/2012 alle ore: 23:02
ho visto le foto, secondo me li hanno assemblati. Potrebbe essere un falso aggiustato con pezzi di originali o pezzi di altri falsi diversi in modo da far uscire tutto com un originale. Tipo come quando vuoi far passare una ferrari per un ultimo modello e ci prendi sportelli di una versione precedente, gomme di una lotus a sua volta camuffata da ferrari eccetera.
francamente per 8 euro cosa ti aspetti? ciao!
Scritto da Alex verona il 06/05/2012 alle ore: 12:07
Ecco ho messo le foto, gli ho comprati ad un mercatino dell'usato, quindi non mi ha detto niente nessuno, spero possano vederesi bene, comunque grazie e ciao, fammi sapere. A.

http://img109.imageshack.us/img109/2889/levisya.jpg
Scritto da alf il 05/05/2012 alle ore: 17:19
beh un idea potrebbe essere di usare imageshack.us per caricare le foto e qui ci posti i link
ciao!
Scritto da Alessandro il 05/05/2012 alle ore: 15:30
Si posso fare una foto ma come faccio a metterla sul sito?
Scritto da xenon il 02/05/2012 alle ore: 11:17
il venditore che dice? puoi mostrarci una foto della targhetta e dell'etichetta?
Scritto da Alessandro il 01/05/2012 alle ore: 21:19
Salve, giorni fa ho comprato ad un mercatino un paio di levi's 501 a 8.00 euro, sono del tipo 501 XX e dentro c'? una piccola targhetta in bianco e rosso con scritto made in usa, non c'? la solita che si vede nei levi's fatti in belgio ecc ecc, i rivetts sono tutti marcati e il resto ? tutto come sopra, a parte i puntini tra le lettetere che sono 4 al posto di tre, ma ci sono, la cosa che mi fa strano ? che dentro nella targhetta c'? una misura W 28 L 32 e dietro in nero alcuni codici ma e qui viene il bello sulla etichetta dietro sopra la tasca le misure sono diverse W 36 L 34 praticamente diverse. Io penso che siano taroccati molto bene e siccome mi piacevano perch? il tessuto ? molto morbido e spesso, 13oz e sono indistinguibili dagli originali, ma il fatto delle due misura mi lascia perplesso, cosa ne pensate? AH nell'etichetta di cartone ci sono tutte le scritte e in basso il codice PXR fuori dalla cornice. Un'altra cosa, l'etichetta rossa nella tasca ? pi? piccola e non ? cucita con il filo argentato e di un rosso uguale ed ? anche pi? curata dell'altra con caratteri di poco pi? grandi direi che ? rifilata alla sola scritta. Bh?? non saprei, ma se sono falsi sno sicuramente fatti molto bene. Grazie ciao Alessandro
Scritto da mario il 29/06/2011 alle ore: 11:36
salve,

ho acquistao dei jeans levis dal sito jeansshoop.com
sinceramente non sono male male, ed i riscontri presenti nel vs articolo tornano (targetta e numero seriale,rivetti ecc) ma hanno alcuni difetti. le cuciture interne non perfettamente cucite, una addiritura storta.
mi chiedo saranno originali? oppure si tratta di articoli si originali ma scartati perche difettosi? il bello ? chew nonstante costano il giusto prezzo di mercato quindi se non sono originali o difettosi mi lasciano perplesso.
qualcuno conosce o ha acqustato dal loro sito? come ? stata la verifica della merce?
ecco il sito:
http://www.jeansshop.com/

grazie a presto!
Scritto da maurizio il 02/04/2011 alle ore: 22:16
se 'tra i cavalli e la misura manca la scritta piccola sono taroccati i 501
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questo approfondimento. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
ac*de

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera b - (Per es. se la parola è ab*dh digita abbdh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
CATUSCIA in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"ho fatto un acquisto per telefono che prevedeva merce che avrei pagato dopo un mese circa. Dopo due chiamate del corriere che sarebbe venuto, ahimè niente...."

Andrea in L’IVA nel commercio elettronico...
"L'iva per i prodotti digitali non tangibili ( esempio abbonamento al servizio online della playstation denominato Playstation plus ) e venduto escusivament..."


Giuseppe in Oneri doganali: come calcolarli e come rettificare quelli errati...
"Salve, ho acquistato un apparecchio elettronico in Korea, mi vogliono fare pagare l'IVA in dogana è regolare?non esiste un accordo di libero scambio con la..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies