ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Lunedì 20 Novembre 2017
Focus

Falsi venduti in Rete: come riconoscere una Lacoste autentica da una contraffatta

Giovedì 09 Ottobre 2008
autore: Redazione InterTraders
Inauguriamo "ufficialmente" questo nuovo spazio all'interno di InterTraders dedicato al raffronto tra articoli veri e falsi venduti in Rete, soffermandoci non a caso su quello che è l'emblema della contraffazione e dell'e-commerce low price: le polo Lacoste.

Probabilmente alcuni dei lettori già conosceranno il valore di un capo di abbigliamento di questo tipo e di conseguenza sapranno con che facilità esso si presti alla falsificazione. Una condizione dettata dalla forte domanda tra gli amanti del griffato e dalla volontà dei falsari di "soddisfare" chi, per un motivo o per un altro, non le acquisterebbe mai al valore di mercato.

L'indumento recensito nelle righe a seguire è la "famosa" polo Lacoste versione "Classic" a tinta unita in cotone piquè: un vero cavallo di battaglia per moltissimi falsari.

Polo 01


In Rete girano diverse schede, articoli e video che descrivono o mostrano nei dettagli gli elementi che contraddistinguono una polo Lacoste autentica da una falsa, alcuni di questi sono frutto di pareri, altri di raffronti fotografici fatti da acquirenti esperti. In ogni caso sul sito ufficiale dell'azienda non risulta esservi un decalogo dedicato all'argomento, bensì l'invito drastico ad acquistare polo Lacoste solo presso le boutiques autorizzate (http://www.lacoste.com/ita/main.html - v. sez. FAQ).

Nonostante ciò, abbiamo raccolto e confrontato la documentazione più uniforme e le testimonianze più attendibili presenti nel Web e abbiamo elencato in 7 punti quegli elementi che, da soli o in concorso tra loro, permetterebbero di riconoscere un capo autentico da uno falso.
Speriamo di fornire in questo modo delle linee guida utili a chi desidera comprare una polo Lacoste (magari per trarne degli interrogativi da girare al venditore prima dell'acquisto) e a chi l'ha già acquistata e desidera individuare dei parametri per valutarne la genuinità.

Nel confrontare un modello autentico con uno presumibilmente falso, raccomandiamo in ogni caso ai lettori di valutare con la giusta ponderazione il Paese di produzione dell'indumento. Se il capo riporta sulla linguetta interna la dicitura "made in Perù" o "made in India" al posto del classico "Fabriqué en France" o "made in France", tale elemento non è da considerarsi come identificativo della cattiva qualità della merce acquistata, ma come un aspetto che contraddistingue il target di destinazione: acquirenti americani, asiatici o europei.
Non a caso nei punti a seguire abbiamo considerato ed elencato quegli elementi che permettono di distinguere generalmente le polo Lacoste autentiche da quelle false, a prescindere dal luogo di fabbricazione e quindi da quelle piccole "eventuali" differenze che possono caratterizzare il capo prodotto in una certa nazione rispetto a quello fabbricato in un'altra.

1) Partiamo dal primo elemento: il logo Lacoste.

Nell'immagine a seguire abbiamo messo a confronto un logo autentico (a sinistra) con due varianti false (a destra).

Polo 02


Come è riscontrabile a occhio nudo, un "coccodrillo autentico" si riconosce dalla tonalità del colore (verdone) e dalla maggior precisione nella forma e nelle cuciture nere che ne delineano la livrea e i contorni. L'animale, inoltre, è cucito sul tessuto della maglia (caratteristica costante nei modelli da donna; in quelli da uomo tra logo e tessuto sarebbe interposta una specie di toppa non visibile a occhio nudo) con del filo di nylon e non semplicemente incollato o stampato; pertanto qualsiasi altra variante anche nella forma o nel disegno (ad es. coccodrillo a bocca chiusa o con coda puntata verso l'alto) è da considerarsi un falso.

Altro rilevante dettaglio è quello riguardante la collocazione del logo rispetto al collo della polo e all'abbottonatura; nelle falsificazioni il coccodrillo è più distante e decentrato rispetto a quello presente nelle maglie autentiche, presentandosi in alcuni casi anche leggermente ruotato.

Polo 03


La collocazione parallela esemplare pertanto è tra la cucitura alla fine dell'abbottonatura e il primo bottone partendo dal basso.


2) Passiamo alla forma e dalla qualità dei bottoni.
I due bottoni di un modello "classico" autentico (uno di essi è visibile a sinistra nell'immagine a seguire) presentano due fori allineati e cuciti in verticale, ma soprattutto ciascuno di essi presenta il bordo rialzato ed è in madreperla.
Diversamente, nelle polo false, i bottoni hanno tutt'altro aspetto, presentandosi appiattiti, plastificati o di un colore comunque diverso dal bianco.

Polo 04


E' bene precisare che alcuni modelli di Lacoste possono ovviamente presentare caratteristiche native dei bottoni diverse da quello "classico", come ad es. la quantità o il colore. Al contrario, bottoni con inciso o stampato il marchio dell'azienda vanno considerati senza dubbio dei falsi (v. immagini a seguire).

Polo 05


A tal proposito, qualora nutriate dubbi su questo ed altri aspetti, può essere utile visitare l'e-shop ufficiale Lacoste:

http://shopapparel.lacoste.com/index.html

la cui interfaccia permette di ingrandire i dettagli dei singoli modelli di polo al fine di analizzarne manifattura e qualità.


3) Un altro elemento distintivo è costitutito dall'etichetta interna con le indicazioni relative al lavaggio:

Polo 06


quella presente nelle polo false (a destra) è molto più semplicistica nella qualità e nelle informazioni riportate rispetto a quella delle Lacoste autentiche (a sinistra), da cui si distinguerebbe anche per l'assenza della scritta "* DEVANLAY * " (dal nome della società che detiene il marchio Lacoste - meglio visibile nell'immagine a seguire).

Polo 07


Quest'ultimo aspetto in realtà è particolarmente discusso in Rete: a parere di alcuni infatti sarebbe fortemente indicativo della genuinità del prodotto (in particolare nelle Lacoste "Designed in France - Made in Peru"), secondo altri, invece, non avrebbe alcuna affidabilità a causa dell'evoluzione della contraffazione del settore, che ha portato i falsari ad aggiungere dettagli come questo per convincere anche gli acquirenti più diffidenti.


4) Un ulteriore criterio distintivo attendibile sono le due linguette in tessuto presenti sulla parte posteriore interna del collo:

Polo 08


in un capo autentico la prima linguetta (quella anteriore) deve riportare rispettivamente lo stemma del coccodrillo (dagli occhi ben visibili) e il testo "Lacoste" cuciti su sfondo bianco, senza alcuna cornicetta di contorno; la taglia, inoltre, deve essere espressa in numeri e non in lettere (S, M, L etc.) cuciti in rosso.
L'etichetta posteriore, invece, se autentica, deve riportare i Paesi di progettazione e fabbricazione (designed in... made in ....) accompagnati dal numero identificativo di commercializzazione del capo (numero che può essere riprodotto in maniera ingannevole anche sui falsi più raffinati...).


5) La qualità del tessuto e le rifiniture sono altri elementi che fanno la differenza. Come per gran parte dei capi contraffatti (ad es. Ralph Lauren), le false polo Lacoste presenterebbero una certa sproporzione a parità di taglia con le originali (nelle immagini a seguire sono messe a confronto una polo autentica e una falsa "made in Perù" della stessa misura):

Polo 09


inoltre il tessuto di una falsa Lacoste potrebbe non presentare quelle caratteristiche proprie della tessitura piquè (a nido d'ape), presentando, al contrario, una superficie piuttosto scadente, liscia e sottile al tatto, soggetta -dopo pochi lavaggi- a facile scolorimento, deformazione o restringimento.


6) Il talloncino di cartone che accompagna una polo nuova presenta anch'esso delle differenze nel raffronto tra una maglia autentica e una falsa.

Alcuni venditori, specie nelle aste on line, evidenziano la presenza del talloncino a garanzia dell'autenticità del prodotto. Si tratta purtroppo di un segno distintivo ormai totalmente inattendibile, eccezion fatta per alcuni casi come quelli visibili nell'immagine a seguire:

Polo 10


come emerge da uno sguardo attento, il talloncino della polo autentica oltre a distinguersi per la stampa dei testi più marcata, presenterebbe la zampa anteriore del coccodrillo più ravvicinata alla "o" di "Lacoste"; tuttavia, nell'immagine vista abbiamo volutamente inserito dei punti interrogativi poichè ciascuno dei talloncini sembra presentare insieme caratteristiche di capi autentici e contraffatti.
Il retro del talloncino, invece, a parte la presenza di un codice a barre che andrebbe verificato, non riporterebbe nel modello falso il colore della polo (v. "dahlia" nell'immagine a seguire).

Polo 11



7) Il prezzo.
Solitamente una polo Lacoste autentica ha un costo che va dai 70-80 euro in su (saldi o promozioni esclusi), ma, come molti utenti denunciano, in Rete si trova praticamente di tutto a qualsiasi prezzo.

Certo, a volte un importo eccessivamente basso può trovare una giustificazione nella provenienza della merce in vendita (ad es. ricettata, e in tal caso non è escluso neanche che si tratti di polo autentiche), ma per il resto una Lacoste nuova venduta al di sotto dei 50 euro è con grande probabilità un falso.

Concludendo, come visto, non sembra esservi sul sito Lacoste un decalogo ufficiale che permetta di riconoscere le polo false da quelle autentiche (al contrario di come avviene per alcuni altri siti di noti marchi d'abbigliamento), motivo per cui i criteri identificativi elencati -singolarmente o nell'insieme- possono non essere sufficienti per verificare al 100% la genuinità di un indumento.

In Rete vi sono diversi forum e siti dedicati al riconoscimento di Lacoste autentiche e false: invitiamo i lettori a consultarli, valutando tuttavia con ponderazione quanto alcuni di essi dichiarano, essendo i raffronti e i giudizi in essi contenuti spesso soggettivi e basati su un singolo acquisto.
Chi desiderasse invece appurare senza alcun dubbio la genuinità di una polo Lacoste, dovrebbe necessariamente sottoporre il capo ad un perito specializzato in materia, o, in alternativa, contattare telefonicamente gli eventuali uffici dell'azienda preposti alla lotta alla contraffazione (solitamente i grandi marchi ne hanno) e fornire tutti quegli estremi e dettagli che di solito sfuggono ad un acquirente medio.

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Ultimi commenti inseriti...
Scritto da Carmelo il 26/01/2017 alle ore: 20:46
Che vergogna ordinata felpa Lacoste sul sito R********** ad 88 euro e poi se non bastasse 13 euro di spese doganali ed è pure super falsa.
Scritto da Giuseppe il 27/07/2016 alle ore: 18:23
Sapete se le lacoste polo vendute durante il "tempo di sconti" sono originali? A me sembrano molto simili alle originali, però i colori non c'entrano nulal con quelli del sito lacoste
Scritto da franca il 11/01/2016 alle ore: 14:40
Buongiorno ho acquistato su b**********it un maglione i primi di dicembre ma al momento non ho ancora ricevuto nulla .......
I soldi sono stati presi però.....Ho fatto presente il fatto alla polizia postale ........
Scritto da franca il 09/01/2016 alle ore: 22:11
Ho comprato su B*********it due maglioni il 7 di dicembre ...al momento non mi è arrivato ancora nulla ma dalla mia carta di credito ho constatato che i soldi sono stati presi ......cosa posso fare ???????Cavolo sono state 150 euro .......
Scritto da carlo il 07/01/2016 alle ore: 18:29
Ancora c'è qualcuno che pensa che **************a venda maglie originali???!!!??? Forse non ne ha mai avute di originali: lavatele e vi accorgerete....
Controllate anche i polsi non elasticizzati in quelle dalle maniche lunghe e vedrete la differenza.
Se poi accettate di avere dei falsi oltretutto di scarsa qulità, allora acquistatele pure..... nessuno vi convincerà del contrario!!!
Scritto da Lacoste user il 06/01/2016 alle ore: 14:05
Ho acquistato almeno 20 polo lacoste insieme ad altri amici che hanno sempre acquistato le originali. Abbiamo fatto confronti di taglie misure e dettagli tra quelle che avevamo indossate comprate da P*********a e quelle in negozio lacoste provate le originali anche in camerino ed erano identiche nessuna differenza.
Scritto da denis il 12/12/2015 alle ore: 12:18
salve,ho acquistato su b...........it 2 maglioni lacoste,ma ho la strana senzazione che mi abbiano cuccato 100 euro,zero risposte da parte dell'azienda...........coem posso fare x bloccare il pagamento via carta di credito?
Scritto da Eleonora il 13/11/2015 alle ore: 19:07
Buonasera qualcuno ha mai aquistato tramite il sito bel**na.it che si spaccia come sito ufficiale lacoste. Io ho effettuato un ordine in data 28/10 e nonostante le mie email di richiesta informazioni non mi hanno mai risposto. Inoltre facendo l'estratto conto della mia postepay mi sono resa conto che oltre all'importo dell'ordine sono stati presi ulteriori 10.50 euro svuotandoli di tutto il credito presente sulla carta. Qualcuno ha avuto la stessa esperienza? Ho segnalato tale reato alla polizia postale.
Grazie
Scritto da fabrizio il 27/07/2015 alle ore: 11:53
io ho comprato lacoste su pan****** e posso dire che rispetto a quelle comprate in negozi autorizzati lacoste sono identiche in tutto e per tutto...ne ho comprata una blu elettrico l'ho lavata già decine di volte e il colore è intatto ovvio che viene il dubbio a vedere i prezzi che fanno però ho confrontato con le altre che ho e se sono non originali beh sono fatte veramente bene...l'unica cosa che si c'è di diverso è la lunghezza che sono leggermente più lunghe...ma che so io le polo che fanno per il mercato americano sono più lunghe rispetto al nostro...ho fatto fare un orlo ho speso 6 euro ed adesso è perfettamente uguale!
Scritto da Dibo69 il 19/06/2015 alle ore: 10:41
Pan****** Gr*** non è affidabile per vari motivi.
Prima di tutto la merce non è originale, le taglie non corrispondono alle originali provate in negozio, il talloncino in cartone sembra differente da quelli visti nei negozi.
Il coccodrillo è molto simile all'originale, ma più grande e di un verde differente
Se avete dei problemi e dovete chiedere la sostituzione della polo, cosa molto probabile visto che le taglie non sono corrette, dovete spedirla a vostre spese ad un indirizzo in Slovenia.
A questo punto avete perso tutto, non avrete più la polo e tanto i vostri soldi.
Se inviate le email per avere chiarimenti, non avrete nessuna risposta perché vi ignorano, in pratica siete stati truffati.
Non fidatevi di Pan******.
Scritto da Mario il 07/05/2015 alle ore: 20:46
Ma il sito pan****na group Ltd è affidabile??? Grazie
Scritto da carlo il 31/03/2015 alle ore: 20:07
...ho tante Lacoste autentiche ed ultimamente ne ho acquistate alcune da P......na (che prima si chiamava nell'altro modo: F....... .......); pur fatte bene nei dettagli (bottoni, marchio, packaging, etichette, ecc) sono scadenti nel tessuto che lavato di frequente diventa peloso e perde colore al contrario dell'0riginale che diventa rasato e un pò ruvido; un particolare inconfondibile poi sono i polsi non elasticizzati (gli originali non si allentano mai e sono appunto elasticizzati); altro particolare è che a parità di taglia, la maglia è un pò più corta, ma ha le maniche leggermente più lunghe. Non acquistatele , sono FALSE!!!!
Scritto da Antonio il 20/03/2015 alle ore: 15:42
Perchè dici che pan***a sono dei truffatori??
Scritto da diablo il 17/03/2015 alle ore: 17:33
Pan*****a=truffatori!
Scritto da Giuseppe il 13/12/2014 alle ore: 19:27
Pandolina e' affidabile?
Scritto da Davide il 08/05/2014 alle ore: 11:28
Conoscete questo sito?

http://fashionoutleteurope.com/?lang=it&utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=LacosteNewsletter8
Scritto da Piolo il 06/06/2013 alle ore: 22:36
Sono sicuro che le polo destinate alla commercializazione europea non hanno la doppia etichetta e quelle con la dicitura "Made in Per?" non sono false ma sono semplicemente destinate al mercato Sud Americano
Scritto da GIULIUS il 26/08/2012 alle ore: 12:05
Come mai, riguardo le polo Lacoste, da qualche parte la misura 6 equivale alla XL e da un'altra invece la 7 equivale a XL ?
Scritto da maura il 05/05/2012 alle ore: 12:43
io l'ho comprata al mio ragazzo ed ? perfettamente originaleeeeeeeeeeeeeeeeeee ?.?
Scritto da Franco il 18/04/2012 alle ore: 18:31
Le Lacoste,destinate al mercato europeo autentiche non hanno nessuna etichetta dietro al collo indicante il luogo di fabbricazione.Poi c'? anche da ricordare che adesso accanto alle ''classic'' esiste il modello ''italian fit''pi? corto e sagomato rispetto alla classica,che present un colletto pi? rigido ed una grammatura pi? leggera del cotone.Si ? parlato poi dei bottoni e sono state dette cose esatte,ma bisogna anche ricordare che esiste il modello ''sport'' che di bottoni madreperlati ne presenta tre e non due.
Scritto da lorenzo il 11/09/2011 alle ore: 03:03
o comprato una maglieta da un negozio oficiale lacost falsa e credo che e dificile impedire con i controli da parte dei inspetori e de le autorita . Siamo noi che dobiamo prestare piu atenzione coando compriamo sopratuto coando si compra una lacost per la prima volta.NB.con me e finita bene miano ridato i soldi
Scritto da pallino33 il 31/08/2011 alle ore: 14:48
ma quanto costa in media una polo lacoste (non in saldo) ?
Scritto da ringo il 08/08/2011 alle ore: 10:17
Ho acquistato pochi giorni fa 3 polo lacoste da un negozio autorizzato e ho dei dubbi sulla loro autenticita'. Il tessuto e' molto piu' fino, l'etichetta esterna ha la zampa del coccodrillo troppo vicina alla lettera O di LACOSTE, come raffigurato nell' esempio raffigurato sopra. Per essere sicuro al 100% acquistero' un'altra Lacoste presso un altro rivenditore per poter fare un confronto.
Scritto da marvin70v il 23/07/2011 alle ore: 08:16
Posso dirvi che ho una Lacoste rosa da 25 anni made in France, lavata migliaia di volte ancora "nuova" e di un cotone fantastico ! Chi ama le Lacoste le riconosce al tatto...forse la qualit? negli anni ? un p? scemata ma mifiderei pi? del tatto che di altre caratteristiche
Scritto da Slh il 30/06/2011 alle ore: 16:59
Ho inviato una email alla lacoste chiedendo perch? nella mia polo non c'? la doppia etichetta con messo dove ? fabbricata la polo. La risposta che mi hanno dato ? questa:
In agreement with the rules of the European Community, we removed the "Made in" label from our products in 1998. The Court of Justice of the European Communities spelled out this principle in 1985. Our technical production installations are world-wide. In order to guarantee the better quality of the components of our products, we have limited the supplying and transforming to three zones: Europe, Asia and South America.

However, some countries, among them the United States, require that the origin of the product be mentioned before letting it enter their territory. We, Europeans are more liberal and do not impose that mention be made of the origin within the member countries of the EU. That explains why you can find our clothes with or without mention of their origin depending on the country in which they are sold. The authenticity of our products is guaranteed by the LACOSTE label and the crocodile.

Quindi se la vostra polo non ha l'etichetta con il luogo di produzione non significa automaticamente sia falsa.
Scritto da Jolly il 25/06/2011 alle ore: 14:00
Anche io ne ho una con l'etichetta inquadrettata di verde e taglia verde, ovviamente comprata in negozio...non so cosa pensare...alex saputo nulla??? Ah inoltre presenta la scritta "Chemise Lacoste" in alto a sx scritto Made in France con in alto a destra la taglia e sotto il coccodrillo...
Scritto da GANZ il 22/04/2011 alle ore: 18:36
alex ti conviene chiedere drettamente alla Lacoste ; )
Scritto da alex il 20/04/2011 alle ore: 16:32
Io ne ho una decina comprate negli anni solo in negozi.
Anche quella bianca che sono sicuro di aver comprato nella boutique lacoste della citt? non ha per? la doppia etichetta al collo, ma solo quella bianca col coccodrillo e il numero rosso in alto a sinistra.
La maggior parte delle altre corrispondono per bottoni (anche se non sempre per il colore degli stessi) e soprattutto per l'etichetta interna, ma quella al colletto ? spesso inquadrettata di verde e col numero pure verde.
Cosa devo pensare di queste discrepanze fra le caratteristiche, pur avendole comprate in negozi serissimi della citt??
Scritto da franci91 il 13/11/2010 alle ore: 15:41
fate bene a fare quasto sito xk e utitle
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questo approfondimento. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
a*cbe

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera d - (Per es. se la parola è ab*dh digita abddh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
CATUSCIA in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"ho fatto un acquisto per telefono che prevedeva merce che avrei pagato dopo un mese circa. Dopo due chiamate del corriere che sarebbe venuto, ahimè niente...."

Andrea in L’IVA nel commercio elettronico...
"L'iva per i prodotti digitali non tangibili ( esempio abbonamento al servizio online della playstation denominato Playstation plus ) e venduto escusivament..."


Giuseppe in Oneri doganali: come calcolarli e come rettificare quelli errati...
"Salve, ho acquistato un apparecchio elettronico in Korea, mi vogliono fare pagare l'IVA in dogana è regolare?non esiste un accordo di libero scambio con la..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies