ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Sabato 15 Dicembre 2018
Focus

WiMax e lo stato del "digital divide" in Italia

Mercoledì 20 Giugno 2007
autore: Michele Pierluigi Massa
Nei giorni scorsi l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni con la Delibera n. 209/07/CONS ha disposto le procedure per l’assegnazione dei diritti d’uso di frequenze per sistemi Broadband Wireless Access (BWA) nella banda a 3.5 GHz. La decisione va salutata in maniera positiva, dato che costituisce un passo avanti per l’implementazione della tecnologia WiMax e l’eliminazione di quel ‘digital divide’ all’italiana che da alcuni anni ormai segna il nostro modo di vivere la Rete.

WiMax, acronimo di Worldwide Interoperability for Microwave Access, è una tecnologia che consente la trasmissione a banda larga, senza fili ed a basso costo; la facilità di implementazione e la possibilità di essere sfruttata su qualsiasi tipo di territorio, a prescindere dalle caratteristiche geografiche o topografiche, la rende particolarmente competitiva sul mercato.

Una scommessa per il nostro Paese, considerato l’impegno preso dal Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, già dall’anno scorso per garantire l’adozione di una banda larga su tutto il territorio nazionale, ed una necessità viste le condizioni in cui ormai versano i tanti internauti italiani, molti dei quali ancorati a linee analogiche o impossibilitati a fruire della Rete dalla propria abitazione.

Il quadro attuale del ‘digital divide’ in Italia non è per nulla incoraggiante (come già evidenziato in un mio precedente post), sia in rapporto alle altre nazioni, che alla luce dei vari ‘eEurope Action Plans’ in ambito europeo. Secondo un’indagine promossa dalla Commissione europea sullo stato dell’e-comunication in Europa, l’Italia incontra difficoltà nell’implementazione della banda larga per uso domestico: se da un lato le imprese collegate alla Rete in broadband sono il 70% del totale, per le famiglie la percentuale scende al 14% mostrando un ritardo imbarazzante rispetto ad Olanda (65%), Danimarca (60%), Finlandia (49%), Belgio (47%) e Svezia (43%). Gap ulteriormente in crescita a causa della lenta diffusione delle connessioni a banda larga, aumentate in Italia solo del 2% negli ultimi 6 mesi rispetto ad altri Paesi come Danimarca (+11%) e Spagna (+9%).

Non resta a questo punto che attendere, sperando che le parole del ministro Gentiloni e di questo Governo si concretizzino in un impegno serio e di svolta nell’alfabetizzazione informatica della nazione.

Articolo tratto dal blog: Il nuovo cittadino


Michele Pierluigi Massa



Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questo approfondimento. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
acbd*

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera e - (Per es. se la parola è ab*dh digita abedh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
Valentina in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"Ragazzi anche io ho avuto a che fare con il presunto chirurgo, con me era una donna, Manuela Garcia, chirurgo a Granada con la famigliola felice al seguito..."

sara in Escrow truffaldini, come riconoscerli ed evitarli....
"manuela1966garcia@gmail.com questa è la nuova email di questo fantomatico chirurgo ma sta volta è una donna e si chiama manuela Garcia per un appartamento..."

Ciro in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"salve, ho utilizzato piu volte il servizio di spedizioni "spedirecomodo.it" mi sono sempre trovato bene, fino a quando mi e successa una cosa inusuale, eff..."

Marta in La truffa dei cuccioli sbarca nel Bel Paese, le puppy scams anche in I...
"NON ABBIATE A CHE FARE CON martinakurts33@gmail.com E l agenzia con il quale vi mette in contatto. Purtroppo ha molti annunci online e non saprei come den..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2018 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies