ATTENZIONE: I cookies del tuo browser risultano disattivati o stai navigando in modalità anonima. Ciò potrebbe limitare alcune funzionalità del sito.
International Traders - L'altro volto dell'e-commerce
Lunedì 20 Novembre 2017
Focus

Rapporto dell'OCSE sull'aumento della contraffazione e della pirateria nel commercio mondiale

Giovedì 07 Giugno 2007
autore: Redazione InterTraders
PARIGI (Francia). Nei giorni scorsi, l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE, in inglese OECD), ha pubblicato una prima versione dell'ultimo rapporto sull'incremento della contraffazione e della pirateria nel commercio mondiale.
Il testo definitivo sarà disponibile entro fine giugno, ma dalla documentazione attualmente visionabile emergono una serie di interessanti considerazioni sull'evoluzione della falsificazione di merci nei principali settori dell'economia mondiale.

Il rapporto, basato sui dati forniti dagli uffici doganali dei Paesi facenti parte l'OCSE, ed intitolato “L'impatto economico della contraffazione e della pirateria” stima, per il solo commercio transnazionale di merci contraffatte e piratate, un fatturato di circa 200 mila miliardi di dollari limitatamente al 2005. Cifra notevolmente più elevata se si considera anche il valore delle merci prodotte e vendute nei singoli Stati ed i beni digitali venduti tramite Internet.

Spiega John Dryden, Vice Direttore del Dipartimento Scienza, Tecnologia e Industria dell’OCSE: "Il Commercio di beni falsificati è un grande problema e sta crescendo ulteriormente. E' una presenza dominante con caratteristiche ed implicazioni serie per la salute, la sicurezza ed il modo di vivere delle persone, al punto di disincentivare creatività ed innovazione.”

La produzione ed il consumo di beni contraffatti è ormai un fattore determinante in molte economie, ove si pensi che il continente asiatico è il vettore pricinpale di tale commercio e la Cina il principale Paese produttore. Il tipo di merce contraffatta varia in base al tipo di mercato: in Medio Oriente ad esempio vi è maggiore richiesta di ricambi d'auto, mentre in America Latina, Africa ed Asia è maggiore il consumo di tabacco contraffatto. I medicinali contraffatti sono un preoccupante problema in Africa, mentre la contraffazione di componenti elettrici, cibo, bevande e casalinghi ormai ha acquisito una dimensione mondiale, con Africa, Asia ed America Latina divenuti Paesi-chiave di questo commercio.

Nella foto è visibile un paio di scarpe Nike, modello Shox: la scarpa in alto è contraffatta, quella in basso è autentica. In corrispondenza di quest'ultima è possibile notare i segni distintivi.

contraffazione Nike Shox


Il rapporto dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico pone una serie di raccomandazioni per affrontare le suddette problematiche, ribadendo in particolare di:

-Consolidare l'applicazione delle leggi vigenti;
-Rafforzare ulteriormente la cooperazione tra i Governi ed i settori industriali al fine di rendere le politiche anticontraffazione attuali, più incisive, individuando al contempo nuove strategie di lotta;
-Inasprire le condanne, per dissuadere i falsari, ed incrementare le sanzioni al fine di compensare il danno arrecato ai titolari dei diritti violati;
-Educare i consumatori ed incrementare il grado di consapevolezza dell'opinione pubblica, in merito alla crescente minaccia per la salute e la sicurezza, rappresentata dai prodotti contraffatti e non a norma.

Una delle più grandi sfide che i Governi e le imprese affrontano, riguarda la raccolta di informazioni veritiere ed aggiornate sull'impatto della contraffazione e della pirateria nei vari mercati. L'OCSE raccomanda ai Governi ed alle imprese di investire ulteriormente nella raccolta e nello studio di dette informazioni, adottando una linea comune per reprimere il fenomeno ed individuarne al contempo gli effetti per la salute e la sicurezza pubblica.



Traduzione discorsiva a cura di International Traders.
La bozza integrale del rapporto è disponibile in lingua inglese sul sito dell'OCSE al seguente indirizzo:
http://www.oecd.org/dataoecd/11/38/38704571.pdf

Redazione InterTraders


Hai bisogno di assistenza legale specifica su questa tematica o su argomenti simili legati a Internet?

Se sì, ti invitiamo a consultare le seguenti sezioni direttamente sul sito dello Studio Legale Massa:

In alternativa, puoi contattare direttamente lo Studio ai recapiti indicati nell'apposita sezione "CONTATTACI" (l'assistenza prestata non è gratuita).


Segnala
Stampa
Scroll Up
Home
Inserisci un commento...
Commento:
Scegli il tuo avatar:


Nome:
Indirizzo e-mail: (non obbligatorio)
(Digita il tuo indirizzo e-mail solo se desideri ricevere notifiche sugli altri commenti a questo approfondimento. E' sufficiente digitare l'indirizzo una sola volta. Con il suo inserimento dichiari di aver letto l'informativa a seguire e di aver espresso il tuo consenso.)
DAMMI UNA NUOVA IDENTITA'
Codice di verifica antispam:
dac*e

Riscrivi nel box sovrastante la parola in rosso che vedi alla sua sinistra, sostituendo l'asterisco * con la lettera b - (Per es. se la parola è ab*dh digita abbdh)

InterTraders CommentSys v.2.0
| Ultimi commenti |
CATUSCIA in Il corriere non consegna la merce: chi ci deve risarcire?...
"ho fatto un acquisto per telefono che prevedeva merce che avrei pagato dopo un mese circa. Dopo due chiamate del corriere che sarebbe venuto, ahimè niente...."

Andrea in L’IVA nel commercio elettronico...
"L'iva per i prodotti digitali non tangibili ( esempio abbonamento al servizio online della playstation denominato Playstation plus ) e venduto escusivament..."


Giuseppe in Oneri doganali: come calcolarli e come rettificare quelli errati...
"Salve, ho acquistato un apparecchio elettronico in Korea, mi vogliono fare pagare l'IVA in dogana è regolare?non esiste un accordo di libero scambio con la..."
Le più lette
InterTraders è un sito curato dallo Studio Legale Massa © 2007-2017 All Rights Reserved
InterTraders Core v6.0 - Link Informativa estesa sui cookies